20. Edoardo Zuccato – Ulona

 

2010, pp. 88, € 13,00

 

 

 

 

 

 

ULONA
Da nàss e da murì mi sun mai stracch,
l’é’l mè misté e sun faj inscì; in tera
vegni al mond e vó a finì in dul mar, opur
nassi in dul mar e möri in daa tera
segond ‘ma la ma gìa, e l’è mai finî.
N’ho vist da sacch e tocch, ho vist di esser
da tutt i qualità, ch’hin vignüü chì
da mi cuj pé e la bóca a cercà l’acqua
daa vita, temé i piant cuj sò radis
e pö ‘l musón di bèsti brütt da sangh
e d’erba, i pé cun sü ‘n cròcch valt ‘na spana
di òmann primitiv, i röj di câr
e i cunturni di suldâ, la bucàscia
di stablimént con ‘doss ul mâ daa ludria,
chichinscì ha lavâ via tucc ul vonc
e mai che mi gh’ho dî da no a nissön.
Se i gent in strâ i pararànn piscinìtt
pensé che mi sun sempar giùin e vedi
ul mond da sota e passi in da par tütt,
in dul mè lett e quel di gent, ul fìdigh
e i büsècch da chi ca pâr ‘n’umbrìa dul gnent.
La mè storia l’é la storia dul mond
e cumincià la cumencia dul scur.

ULONA
Di nascere e morire non sono mai stanco,
è il mio mestiere e sono fatta così; in terra
nasco e vado a finire nel mare, oppure
nasco in mare e muoio nella terra
secondo come mi aggrada, e non è mai finita.
Ne ho viste di tutti i colori, ho visto esseri
di ogni tipo, che sono venuti qui
da me con i piedi e la bocca a cercare l’acqua
della vita, come le piante con le loro radici
e poi il muso degli animali imbrattato di sangue
e d’erba, i piedi con una spanna di sporco
degli uomini primitivi, le ruote ei carri
e gli stivali dei soldati, la bocca enorme
degli stabilimenti con una fame insaziabile,
qui hanno lavato via tutti la sporcizia
e mai che io abbia detto di no a qualcuno.
Se per strada le persone vi parranno piccole
pensate che io sono sempre giovane e vedo
il mondo dal basso e passo dappertutto,
nel mio letto e in quello della gente, il fegato
e le viscere di chi sembra l’ombra
del niente. La mia storia è la storia del mondo
e per cominciare comincia dal buio.

EDOARDO ZUCCATO è nato nel 1963 a Cassano Magnago, in provincia di Varese. In dialetto altomilanese ha pubblicato le raccolte poetiche Tropicu da Vissévar (Crocetti, Milano 1996), La vita in tram (Marcos y Marcos, Milano 2001) e I bosch di Celti (Sartorio, Pavia 2008), oltre ad alcune traduzioni da Virgilio (I Bücòligh, Medusa, Milano 2007) e, in collaborazione con Claudio Recalcati, da François Villon (Biss, lüsèrt e alter galantomm, Effigie, Milano 2005).

I commenti sono chiusi.