Karel Sebek – Guarda nel buio, com’è variopinto

 

2007, pp.192, € 18,00

Prefazione di Pavel Reznicek

con una testimonianza di Eva Valkova

Postfazione di Jan Nejedly

Traduzione di Antonio Parente

 

 

TENTATIVO DI SUICIDIO NEL TESTO

(A Roman Erben)

Ho riempito completamente d’acqua il lavandino e vi ho immerso la testa
con la buona intenzione di non tirarla più fuori
in quell’istante davanti ai miei occhi iniziarono a scorrere in rapida successione
[tutti i sogni
che avrei dovuto sognare in alcuni ultimi mesi
quando ho vegliato in parte nella sala macchine
in parte ho piantato con te gli ortaggi neri negli orti degli altri
dopo averli consumati dovevano iniziare a sterminare gli insetti poi gli animali

sempre più superiori e alla fine se stessi
in parte ero appeso alla lanterna più vicina con la testa illuminata al posto
della lampada e illuminavo i dintorni:
la strada che porta a Lánov la calcara dove ho lavorato nel sessantuno
la stazione merci un pezzo di cortile col nastro palazzone
che assumeva un pò alla volta l’aspetto di tutti i ristoranti della città
l’alcol versato nel testo son riuscito a consumarlo da solo
ma per poter arrivare davvero a te avrei bisogno di una fune
molto lunga e un rampino in testa
la maggior parte del tempo quando dovevo lavorare sulla mia persinalità passata
ad imperversare nei locali del comitato nazionale
come presidente e partiti allo stesso tempo
sono capace di imitare le voci di tutti gli abitanti locali
nella mia faccia da scimmia ho in deposito tutte le smorfie delle ragazze locali

sono commessa in un selfservice divido le persone secondo la loro eloquenza
sugli scaffali e fornisco i bigliettini con i titoli
dei temi dei discorsi più frequenti
è anche una scienza come si insegnerà presto nelle scuole
su questi concetti sarebbe buono una volta per tutte metterci una croce
se il poeta non zittito da altri non riesce nemmeno nel momento del bisogno fisiologico a                                                                                                                        [tenere la bocca chiusa
mi iscrivo volontariamente col primo carico di bestie al macello
piuttosto che lasciarmi scorgere dal vostro corpo di balena quando mi ascoltate                                                                                                                                [entusiasticamente
la vostra siluetta si sovrappone al cavallo da tiro apre la porta e si avvicina a me
sarò allora la pentola col coperchio inizio una zuffa per un pasto
mi scaverò una fossa ancora più profonda farò rinvenire le carcasse decomposte
in bocca ficcherò il naso nell’intruglio più schifoso
nella nostra città darei volentieri il benvenuto a qualche funzionario del governo oppure                                                                                                                   [scriverei per un giornale
in quell’articolo ci sarebbe tutto ciò su cui medito dalla mattina alla sera quando mi
dedico ad un’ispezione accurata delle dita dei piedi
sembrerebbe che abbia già tirato le cuoia ma qui qualcuno ulula nascosto
dietro al sofà come se fosse festa nazionale
sotto l’enorme pancia della pulce solo ora ti ascolterò con attenzione
quando parli dell’immaginazione come della mia balia la signorina Votocková quando                                                                                                                                                   [quelle
idee davvero si materializzano c’è qui una sedia al sole davanti
alla porta il saponificio e il negozio del signor Vrabec ma già siede al tuo
posto e racconterà da sola quelle favole delle schegge
conficcate nelle labbra

 

STARNUTO” Fotofilm realizzato da Cristina Boldrin e Disan Danilov Дисан Данилов, tratto dalla sceneggiatura “Starnuto” di Karel Sebek

Variazioni su Sebek parte 1parte 2 ” Cortometraggio ispirato alla vita e alle opere di Karel Sebek realizzato e interpretato da Stefano Polo, Gianluca Ballarin e Marcello Argenti

 

KAREL SEBEK nasce a Vrchlabi il 3 aprile 1941. Poeta, collagista, paracadutista di poesia. I suoi scritti sono apparsi, tra l’altro, sulle riviste ceche “Analogon”, “Literarni noviny”, “Tvar”, “Orientace”, “Host”, “Vokno” e “Doutnik”, in Francia su “La Crécelle Noire”, “Camouflage” e “Melog”, in Italia su “Hebenon”. Inoltre, è presente nelle antologie Surrealistické vychodisko (Via d’uscita surrealista, 1969), Cesti prokleti basnici (Poeti cechi maledetti, 1998) e Le surréalisme en Tchéchoslovaquie (Parigi, 1983). Ha alle spalle una trentina di tentativi di suicidio; l’ha sempre scampata, ma dall’aprile del 1995 risulta scomparso. Può darsi che si sia avverato il suo sogno da bambino, il suicidio. Ha pubblicato le seguenti raccolte: Ruce vzhuru (Mani in alto, 1990), Probud se andeli, peklo spi (Svegliati angelo, l’inferno dorme, 1994), Ani hlt motyla (Nemmeno un sorso di farfalla, insieme con Eva Valkova, 1995), Divej se do tmy, je tak barevna (Guarda nel buio, com’è varipinto, 1996).

Motto: La poesia è un indimenticabile gioco alla propria vita


I commenti sono chiusi.