2. L’ALFABETO VIVO DI COMENIO in ventiquattro carte figurate e a più voci, a cura di Mariacristina Colombo

17 Cane copylibro 01

 

2005, COFANETTO con 24 carte a colori cm 15×21, CD audio e libro, € 27,00

Del grande pedagogista moravo Jan Amos Komenský (1592-1670)

A cura di Mariacristina Colombo

 

 

 

Oggi, che molti degli animali usati da Comenio non sono più presenze comuni delle nostre giornate, il suo Alfabeto invita i bambini a riscoprirli e a farli tornare. Ecco la cornacchia, l’agnello o il serpente e il lupo diventare, come in una metamorfosi dal ferino all’umano, parole, lettere: Cornix cornicàtur, la cornàcchia, monàcchia gràcchia, à à: A a. Allitterazioni, onomatopee, fonosimbolismi immaginosi ed esatti, come quello della rana che –  coax coàxat (gràcida) – non può che spiegare la X. (…) Le immagini (e i suoni registrati) erano (e sono) anch’esse innanzitutto strumenti, nell’accezione più propria e meno servile, nelle mani del maestro e dell’allievo, per diventare sapienti: cammino che egli, con uno dei gioci di parola che lo hanno reso famoso, indicava con l’acrostico SAL (sale): sapere, agere, loqui (essere sapienti, agire, parlare).

 


 

Una risposta a 2. L’ALFABETO VIVO DI COMENIO in ventiquattro carte figurate e a più voci, a cura di Mariacristina Colombo

  1. Pingback: check this